Il tempo è molto lento per coloro che aspettano, molto veloce per coloro che hanno paura, molto lungo per chi si lamenta, molto breve per quelli che festeggiano, ma per tutti quelli che amano, il tempo è eternità. – William Shakespeare –

L’amante 

L’amante è un sistema 
Se conosci o incontri o peggio ti innamori di una persona impegnata entri in un “sistema ”

Difficilmente quel sistema cambierà 

È improbabile che lui o lei lo cambi 
Ci sei tu 

C’è l’altro o l’altra 

Due rotaie parallele 

Due vite parallele 

Che …..non si incontreranno mai 

Tu sei su una di queste 
A questo punto sta a te cambiare 

Solo a te decidere 
Fonte: Il gioco

  • Sentirsi parte in causa, a volte tocchi il cielo con un dito, altre volte lo aspetti come si aspetta la famosa e pluricitata pioggia nel deserto. La sua vita, la sua famiglia e io: l’amante che semisilente lo aspetto. Ma quando arriva sa farsi volere bene, ogni volta. Alla fine lui c’è.

©barbame 

Non solo la spogliava, ma toccava e giocherellava con ogni dettaglio del suo corpo dalle curve ampie e rientranze profonde, dove ombre e luci s’incrociavano in un gioco di mistero. Jorge Amado

Succede…

Succede sempre qualcosa sette minuti dopo la mezzanotte, sarà che il cuore depone le armi, che gli occhi sfuggono dagli errori passati e ti ritrovi a dissolvere paure con la voglia anche di spezzarti.Così

… come se sapessi che farsi del male fa parte inevitabilmente di quel gioco chiamato Amore.

Ed è proprio in quel preciso istante che il Sole promette mezz’ora di ritardo.
Succede che ci basterà un divano, dei pop corn da rubare, un film di cui parlare, dei sogni a costo zero ed un armadio dove incastrare calzini spaiati, scheletri e quel maglione del primo appuntamento che al primo lavaggio hai ristretto.

Succede che lavoreremo, che ti lascerò dei post it per darti il buongiorno, che avremo pizze surgelate in frigo, che faremo l’amore all’improvviso e malediremo il tempo perso in cui io ero la mente che correva e tu il cuore che immancabilmente frenava.

Ascolteremo i Coldplay in macchina, ci scatteremo una polaroid con i capelli scompigliati ed un sorriso accennato e lasceremo la foto dentro ad un cassetto per ricordarci che la felicità esiste.

Un pacchetto di sigarette

una valanga di incertezze

mangeremo pollo fritto e con le mani unte ci abbracceremo fregandocene dei vestiti perché quelli prima o poi cadranno… accanto al letto, sopra il divano, sul tavolo della cucina

e sarà un amore che scambierà la sera con la mattina.
Succede sempre qualcosa sette minuti dopo la mezzanotte, succede che me ne starò da qualche parte a scriverti parole sconclusionate 

Io, malata di incompletezza e di illusioni, ti dirò che sei l’unica costante in un mondo di variabili impazzite.

… e penso che è vera quella leggenda che dice che per amarsi davvero c’è un solo modo… smettere di sentirsi sbagliati.

Ed i miei difetti

con te

se ne vanno ALTROVE

(Tuttodunfiato)

Libri e me

«Ho imparato ad amare i libri. Oggi mi sorprendo a volte a spostarli nella mia biblioteca.»
«Perché?»
«Perché c’è un ordine segreto. I libri non puoi metterli a caso. L’altro giorno ho riposto Cervantes accanto a Tolstoj. E ho pensato: se vicino ad Anna Karenina c’è Don Chisciotte, di sicuro quest’ultimo farà di tutto per salvarla.»– Intervista ad Ettore Scola / da la Repubblica


Leggere mi è sempre piaciuto. Ma mi rendo conto che i testi più importanti della letteratura me li sono sbocconcellati un po’ qua e là ma non li ho mai letti completamente.

E mi rendo conto che tutto questo mi manca. Ho decine di libri mai finiti. Mi riprometto di prenderli, uno alla volta, e leggerli davvero. Ma restano solo parole al vento.

Stesso discorso vale per le riviste di cucina. Giuro, le adoro! Mi piacciono le foto, mi dico “beh non è nemmeno difficile da fare!” Poi non faccio mai nulla di niente. 

Il mio problema è lo stesso di certi studenti a scuola. Quando arrivano i colloqui genitori-professori e ci si sente dire “l’alunno avrebbe anche parecchie potenzialità ma non si applica!”

Ecco io sono uguale. Ho tante potenzialità ma non mi applico. Grande entusiasmo all’inizio poi mi ammoscio dopo poco, o al primo insuccesso o per pura e semplice noia.

Come la mia migliore amica che mi dice sempre “sei brava a scrivere” e io la guardo e dico “ma de che!!!” 

Io non sono capace di scrivere nulla. Utilizzo i tasti di un I’Phone per scrivere quello che mi esce dal mio mono neurone ma non sono una scrittrice. 

Leggo tante persone qui e loro sì che sanno scrivere bene! 

Io amo le citazioni che trovo qua e là e le faccio mie, le trascrivo e rendo visibili a tutti, perché alcune sono talmente belle che avrei solo voluto che fossero uscite dalla mia testa. 

  • Spero d’aver azzeccato tutti i verbi nella frase precedente (aperta è chiusa parentesi)

Buona domenica bellezze io mi lancio sul primo caffè di questa domenica.

Besos ©barbame 

Teletrasporto sconto 50%

Quello che ci vorrebbe adesso sarebbe un teletrasporto in vendita su amazon a metà prezzo.
Un teletrasporto a metà prezzo e una spiaggia semideserta.
Quello che ci vorrebbe adesso sarebbe un teletrasporto a metà prezzo, una spiaggia semideserta e un telo a due piazze.
E un leggero alito di vento che asciuga subito le gocce di mare sulla pelle e che fa venire quei piccoli brividini che si accavallano ai nei e che poi fai la corsa a baciare e a provocarne di altri, nuovi, brividini.
Quello che ci vorrebbe adesso quindi sarebbe un teletrasporto a metà prezzo, una spiaggia semideserta, un telo a due piazze e un leggero alito di vento.
E anche un miniappartamento con la camera vista mare e con la finestra aperta e con le lenzuola arancioni in cui rifugiarsi quando i secondi brividini hanno preso il sopravvento sui primi.
Si. Ok.
Quello che ci vorrebbe adesso sarebbe un teletrasporto a metà prezzo, una spiaggia semideserta, un telo a due piazze, un leggero alito di vento e una camera vista mare con letto con lenzuola arancioni.
E un piatto di spaghetti allo scoglio. E un box doccia per due persone. E il pomeriggio libero. E la sera. E la notte. E domattina. E il pomeriggio di domani.
E pioggia sulle tamerici salmastre. E gemiti soffusi. E musica a volume quattro. E la sera di domani. E la notte di domani. E colazioni a letto. E via e via fino a Natale.Quello che ci vorrebbe adesso sarebbe un teletrasporto in vendita su amazon a metà prezzo.
(Gerundioperenne)