Aveva capito che non bastava solo respirare, voleva vivere, voleva vivere il caos, era stanca della monotonia che precedeva quei giorni prevedibili, voleva vivere qualcosa che la travolgesse di più, come in un turbine di emozioni da dove non sarebbe mai più tornata indietro. Voleva sentire quel sapore che ha la follia; tra lacrime e sorrisi, dolore e gioie, rischi e pericoli, amore e sesso, che si sarebbero mescolati allo stesso tempo, fino a disorientarla, fino a desiderarlo.
Rino Ascione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...